mercoledì 25 aprile 2018

A Genova maggio all'insegna del Belcanto Italiano ®

Con la partecipazione straordinaria del Tenore Ugo Benelli e del Coro Monteverdi diretto dal Maestro Silvano Santagata, il Belcanto Italiano  ® Duo, reduce dai successi di Verona e Cremona, si esibirà a Genova, il giorno 11 maggio 2018, alle ore 20,30, nella splendida Cornice della Chiesa di Nostra Signora del Rosario, in Via Carlo e Nello Rosselli 8.  La voce del Soprano Astrea Amaduzzi accompagnata al pianoforte dal Maestro Mattia Peli, eseguiranno un programma raffinato ed estremamente virtuosistico.


Un grande evento, ricco di gioia, per sottolineare l'importanza dell'importante anniversario della fondazione di questa Chiesa genovese, la cui architettura sobria e la pietra rosata delle volte richiamano il misticismo di antiche strutture umbre.

Ecco il programma del concerto:

PARTE PRIMA

"LA BUONA NOVELLA"

Di Fabrizio De Andrè,
adattamento per Soli e Coro di Silvano Santagata.

Voci Soliste
Lucia Cardinale, Simona Guaragni, Federica Repetto,
Patrizia Russo, Giada Venturini, Franco Alloisio

Voce recitante Ugo Benelli

Pianoforte Alberto Perfetti

Direzione Silvano  Santagata


PARTE SECONDA

"IL BELCANTO ITALIANO TRA OPERA E RELIGIOSITA'"

Belcanto Italiano ® Duo
Soprano lirico di coloratura, Astrea Amaduzzi
Pianoforte e organo, Mattia Peli - Musiche di Mozart, Rossini, Bellini, Verdi e Puccini :

G. Verdi - "La vergine degli angeli" (La forza del destino)
- omaggio a Beniamino e Rina Gigli - Soprano, coro e organo

G. Puccini - "Senza mamma" (Suor Angelica) - Soprano e pianoforte

V. Bellini - "Casta Diva" (Norma)
- omaggio a Beniamino Gigli - Soprano, coro e pianoforte

G. Verdi - "O Signore, dal tetto natìo" (coro da I Lombardi alla prima Crociata) - Coro e pianoforte

W. A. Mozart - "Tu virginum corona" e "Alleluia", dal mottetto "Exsultate, Jubilate" [K. 165] - Soprano e pianoforte

G. Rossini - "Giusto ciel" (L'assedio di Corinto) - Soprano, coro e pianoforte

G. Rossini - "Laudamus te", dalla "Messa di gloria"
- omaggio a Ugo Benelli - Soprano e organo

Partner dell'evento:
Chiesa "Nostra Signora del Rosario" - Genova
Coro Claudio Monteverdi - Genova
Associazione "Beniamino Gigli" - Recanati
Belcanto Italiano ® Duo
Comune di Genova

- Ingresso libero fino a esaurimento posti -

Il Belcanto Italiano ® Duo - Astrea Amaduzzi, Soprano - Mattia Peli, Pianoforte

Il Maestro Silvano Santagata

Il Tenore Ugo Benelli

Il Coro Claudio Monteverdi

La chiesa "Nostra Signora del Rosario" - Genova

giovedì 15 marzo 2018

Cantanti lirici in grammofono - ascolto di voci su dischi a 78 giri del Fondo Benedetti di Ravenna con Belcanto Italiano

"El estudio de la voz por el gramófono es muy útil. Ahora bien, el alumno debe ser orientado por el profesor, quien le dirá lo que está bien y lo que está mal. Cada año convendría que el cantor impresionara algunos discos para observar la diferencia y corregirse los defectos.
Para ser gran artista hay que exigirse mucho."


[ "Lo studio della voce con il grammofono è molto utile. Tuttavia, l'allievo deve essere guidato dal docente, che gli dirà che cosa è giusto e cos'è sbagliato. Ogni anno sarebbe opportuno che il cantante registrasse alcuni dischi per osservare la differenza e correggere i difetti.
Per essere un grande artista devi essere molto esigente." ] 

Mauro Benedetti mostra uno dei suoi dischi Pathé

Questo è ciò che scriveva Celestino Sarobe (allievo di Mattia Battistini, baritono e "Profesor de Canto y Alta Opera del Conservatorio del Liceo") nel suo "Venimécum del Artista Lírico" - Barcelona, 1947.
Oggi, certo, non si registra più da molti decenni in grammofono. I "78 giri" sono stati sostituiti prima dagli LP in vinile, poi dalle cassette audio e video, ed ora, da diversi anni, da cd e dvd, ma i principi profondi sottintesi nell'affermazione di Sarobe, seppur con una diversa applicazione, rimangono sempre validi.
Registrare come studenti di canto la propria voce e, riascoltandosi, anche con il supporto del saggio aiuto del proprio docente, correggere i propri difetti, dovrebbe essere una pratica comune e costante nel percorso sia da dilettanti che da professionisti.


Inoltre, aggiungiamo noi, oggi l'enorme lascito di incisioni in grammofono di centinaia e centinaia di grandi cantanti lirici storici del passato, in particolare dei primi decenni del Novecento, può diventare una "banca dati" molto utile sulla quale riflettere con concentrazione estrema in un attento ed impegnato ascolto.
Separando i piccoli difetti che anche i grandissimi cantanti hanno talvolta avuto, dai pregi tecnici ed interpretativi dei grandi, si possono imparare molte cose.
Assorbendo i principi della Scuola di canto che passano "vivi" dalle registrazioni, durante l'ascolto occorre non prendere spunto dai vezzi, bensì dai pregi basati sulla Scuola; si ascoltino con attenzione  l'appoggio, il legato, lo squillo, la mezza voce, i filati, i diversi modi di fare i trilli, le messe di voce, le agilità, ecc. Queste qualità di Scuola si possono udire e godere pienamente solo ascoltando le voci liriche direttamente dai grammofoni, una esperienza unica, anche perché è l'unico modo per avvicinarsi il più possibile alla fonte originale, senza passaggi da analogico a digitale che portano sempre via una notevole quantità di armonici naturali.




Ma il problema per lo studente di canto, e più in generale per il musicista nel suo complesso, (insegnanti di musica, docenti di canto, cantanti, strumentisti, direttori d'orchestra, compositori) è questo: dove e come poter fare questa esperienza diretta, senza filtri digitali, in un'era multimediale e digitalizzata, nella quale ormai moltissimi ascoltano le registrazioni da computer e cellulare, fonte sonora che fa perdere ulteriore verità al suono reale, anche rispetto allo stesso cd, dato che solo pochissime persone oggi possiedono e sanno far funzionare strumenti di riproduzione come i grammofoni, con una certa competenza dovuta ad anni di esperienza?



Qui arriva in aiuto il nostro collezionista, con il quale entrare in contatto; non è però una cosa così frequente. Inoltre trovarne uno che sia anche abbastanza preparato nel versante del repertorio operistico, cioè un collezionista di grammofoni e dischi a 78 giri che sia anche un appassionato di opera lirica e di metodi di canto, è cosa ancor meno facile. A tutte queste qualità risponde il nome di Mauro Benedetti il quale da oltre un anno ci ha introdotti in questo particolarissimo ascolto "live" da grammofono, esperienza inusuale anche per un musicista professionista.


Ecco un breve video nel quale viene spiegata la differenza sostanziale tra l'ascolto da grammofono e quello digitale (cd, computer, cellulare).


Locandina del primo incontro "Voci dai Grammofoni a Ravenna" - 31 gennaio 2017

Dal primo incontro ufficiale, intitolato "Voci dai grammofoni a Ravenna - 6000 dischi a 78 giri" avvenuto il 31 gennaio 2017, in poi, Belcanto Italiano ® è ormai solito offrire, su richiesta, agli studenti di canto interessati, concordando gli incontri lungo l'arco dell'anno, la possibilità gratuita di ascoltare una serie di registrazioni a propria scelta dai dischi del Fondo Benedetti di Ravenna, in un'ampio ventaglio possibile di voci liriche, dal soprano al mezzosoprano-contralto, dal tenore al baritono al basso fino anche al controtenore. 

Home page del canale youtube "BEL CANTO IN GRAMMOFONO"


Alcuni ascolti da grammofono particolarmente rilevanti ed interessanti sono stati convogliati nel canale youtube "BEL CANTO IN GRAMMOFONO" che si prefigge di avvicinare molti al mondo del 78 giri dando un'idea di come sia differente l'ascolto dei cantanti che hanno fatto la storia del canto dei primi decenni del Novecento, quando ancora erano vivi grandi compositori come ad esempio Puccini e Mascagni. L'ascolto su grammofono risulta nettamente superiore rispetto al trasferimento delle originali incisioni in grammofono su supporto cd o addirittura a file digitale su computer o cellulare.
Naturalmente la visione di un video all'interno di questo canale youtube virtuale, per quanto interessante, non può sostituire mai l'ascolto da grammofono in uno spazio reale. Tuttavia, una prima impressione più vicina a quella rotondità, squillo, corposità di voce e d'armonici della voce lirica reale la può dare, nella speranza che tanti vogliano provare direttamente l'emozione di ascoltare dal vivo quelle voci di cantanti lirici che più si preferiscono, partecipando ai nostri incontri che organizziamo lungo il corso dell'anno. Al termine di ogni ascolto, i partecipanti a questi speciali "incontri sonori" possono commentare, specialmente dal punto di vista tecnico-vocale, l'ascolto della registrazione appena udita. Questo avviene puntualmente e porta ad un interessante confronto e scambio di idee in merito all'incisione del cantante ascoltato, sia sul versante tecnico che su quello interpretativo.

Per prenotare un incontro scrivere a: direzione.belcantoitaliano@gmail.com oppure telefonare al numero 347-5853253

Ci potete seguire, nel frattempo, iscrivendovi al canale youtube dedicato, Bel Canto in grammofono, dove vengono progressivamente aggiunti nuovi video di cantanti lirici, molto famosi così come meno noti, di tutti i registri vocali. Buon ascolto!



















Il soprano e docente di tecnica vocale belcantistica Astrea Amaduzzi tra i grammofoni del Fondo Benedetti





Il M° Mattia Peli commenta l'ascolto di un disco a 78 giri


Mauro Benedetti, la maestra Astrea Amaduzzi ed alcuni studenti di canto presenti al primo incontro d'ascolto dei grammofoni












1903 print The Operatic Duel - Melba and her rival Tetrazzini playing their own records to each other.


English tenor Ernest Pike standing beside a G&T Sheraton gramophone, c. 1907, photo from a record sleeve of one of the Zonophone grand opera series.

An original full-page magazine photo-article concerning the singer Edward Lloyd making a gramophone record for Queen Alexandra in 1907

Sweet sounds that cannot die - Madame Tetrazzini singing into the gramophone recording instrument - The Illustrated London News, December 21, 1907


Lucien Muratore e Lina Cavalieri registrano nel 1913
Titta Ruffo ed Enrico Caruso nel 1914

Il Pathéfono - IL TEATRO ILLUSTRATO, ottobre 1914

Armonifono - IL TEATRO ILLUSTRATO, ottobre 1914

Geraldine Farrar as Carmen, with right arm on Victrola, 1915






















Russian bass singer Feodor Ivanovich Chaliapin (1873-1938) listening to a gramophone player. October 09, 1924

Pubblicità originale 1930 - "LA VOCE DEL PADRONE", Il cantuccio preferito